inizio               chi               cosa               fotografie               pubblicazioni               contatti               altri siti


la cementeria di scala di giocca, presso sassari, venne inaugurata nell‘aprile del 1957 alla presenza delle massime autorità nazionali

si trattava di uno dei più grandi impianti per la produzione di cemento in europa e doveva servire da propulsore per lo sviluppo di un’area depressa com’era quella del nord sardegna

tre enormi forni rotativi erano il cuore della cementeria che, tra gli anni 60 e 70, arrivò a impiegare quasi mille operai

la crisi inizia alla fine degli anni 80 e a partire dagli anni 90 la produzione ha fortissime riduzioni, fino a fermarsi completamente alla fine del decennio

nei primi anni del nuovo millennio l’impianto è usato come magazzino ma, a partire dal 2008, ogni utilizzo è definitivamente bloccato e gli ultimi operai sono messi in cassa integrazione

l’italcementi, proprietaria del complesso, preferisce infatti investire sul grande cementificio di samatza, nel sud sardegna, perchè più produttivo e moderno

nell’ottobre del 2010 la cementeria di scala di giocca viene definitivamente chiusa

è senza dubbio alcuno il più imponente monumento di archeologia industriale della sardegna e uno dei più importanti a livello nazionale